Visualizzazione post con etichetta Film. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Film. Mostra tutti i post

Corro da te, un remake deludente


 Riccardo Milani non è riuscito a compiere il miracolo: eguagliare la bellezza del film a cui s'ispira ossia Tutti in piedi, di cui Corro da te è il remake.

Cambia il finale straordinario e abbassa i toni di una tematica che va gridata al mondo intero: la disabilità, banalizzando fortemente il protagonista maschile, goffo, meno affascinante dell' attore e regista francese Franck Dubosc nei panni di Jocelyn, un incorreggibile bugiardo che si confida con il suo amico il dottor Max il magnifico Gerard Darmon che nella versione italiana è interpretato da Pietro Sermonti e con la segretaria la bravissima Vanessa Scalera e non con una combriccola di amici con i quali Gianni scommette di portarsi a letto pure la disabile, immortalando con un selfie l'evento dopo l'immersione nella piscina che prima è stato un elegante tavolino dove ha cenato con la speciale invitata (in foto).

La prima volta che ho visto Tutti in piedi, un film del 2018, sono rimasta davvero colpita da questa storia, dal bell'imprenditore che perde la testa per una bellissima donna sulla sedia a rotelle e dal momento in cui la conosce, cerca di conquistarla, dimenticando tutte le altre, mentre Gianni continua ad andare appresso a tutte, non solo a lei.

Il Gianni di Milani, interpretato da Pierfrancesco Favino, non solo non ha lo charme del bel Dubosc, gli manca proprio tutto di questo personaggio, anche la tenerezza in alcuni momenti che è determinante, riesce a essere un galletto senza cuore per tutto il tempo e non c'è empatia tra i due attori che ho visto ingessati nei panni rispettivamente di Gianni e Chiara.

Miriam Leone tuttavia si avvicina alla francese Alexandra Lamy, anche se non stupisce come lei, ricorda però il suo coraggio, la sua voglia di riscatto ed è apprezzabile. 

Nel cast ci sono molti attori eccezionali dal fratello di Gianni che è Carlo Luca De Ruggieri a Piera degli Esposti nei panni della nonna di Chiara, a Michele Placido nella parte del padre di Gianni che nel film francese è affidata a Claude Blasseur famoso per essere il papà di Vic (Sophie Marceau) ne Il tempo delle mele. 

Il film in prima visione su Sky, mi ha deluso e consiglio di vedere Tutti in piedi a cui s'ispira e che è imparagonabile ed è davvero bellissimo! 

Ghiaccio

 La noble art è un'espressione che neanche si usa nel quartiere dove cresce Giorgio, orfano di padre e appassionato di boxe, però esiste la nobiltà d'animo di Massimo, il suo allenatore, che lo aiuta a credere in se stesso e lo prepara psicologicamente e fisicamente a un incontro che cambierà il corso della sua vita.

Nella periferia romana tra il Quarticciolo, Casal Bruciato e Tor Tre Teste dove è girato il film, ci sono insidie di ogni tipo e si vive con l'acqua alla gola perché mancano i soldi per pagare l'affitto e si finisce in brutti giri per sopravvivere.

Giorgio è molto legato a sua madre, una donna che nasconde le lacrime in cucina, perché Maria è vinta, affranta, avvolta da un fallimento che le toglie il respiro.

Il film è ambientato negli anni '90, precisamente nel 1997, sono gli anni in cui si guarda in tv il Karaoke di Fiorello, che Massimo ama vedere con la sua Floriana, la bella moglie di cui è innamoratissimo e lo fa quando torna a casa distrutto dal lavoro e dagli allenamenti in palestra e le promette di trovare il tempo per togliere la muffa dalla camera dei bambini e la convince a perdonarlo dedicandole una serenata, più precisamente una canzone di Claudio Baglioni.

Giorgio indossa una felpa grigia col cappuccio con una sola T di Totti sulle spalle e il numero 10 , lo fa perché è l'unico regalo ricevuto da suo padre, da cui ha ereditato soltanto i debiti per cui gli strozzini lo minacceranno, ma il prezzo da pagare sarà troppo alto.

Massimo, è un ex pugile che non ha spiccato il volo e che per campare lavora la mattina presto alle dipendenze di un tipo che gli fa scaricare frutta e verdura, ma riversa su Giorgio il suo sogno di vittoria e sarà per lui un complice, quasi un padre e salderà un po' dei suoi debiti coi soldi messi da parte per i figli.

L'immersione delle mani nel ghiaccio alla fine degli allenamenti, è come un premio, un rituale che Massimo trasmette a Giorgio, accanto alle sue teorie filosofiche ed estremamente intense.

La periferia è un microcosmo difficile da gestire e in cui vivere, ma è l'unica realtà che Giorgio conosce, pur sognando un giorno di vivere e morire al mare con la sua amata.

Chissà se vincerà l'incontro, chissà se andrà a vivere al mare, coronando il suo sogno.

Massimo è interpretato da un magnifico Vinicio Marchioni, perfettamente a suo agio nei panni dell'allenatore fidato e appassionato, del padre affettuoso e del marito fedele. L'ho amato immensamente in questo film che è l'esordio alla regia per il cantante Fabrizio Moro, la cui sceneggiatura e regia è anche di Alessio De Leonardis.

Giorgio è Giacomo Ferrara, ragazzo molto tenero e indifeso eppure coraggiosissimo a cui ci si affeziona immediatamente.

Tra i personaggi neri c'è Pisciasotto interpretato da Claudio Camilli che mi ha ricordato in modo impressionante il mio amico attore e regista Paolo Perelli.

Floriana è Sara Cardinaletti, Maria è Lidia Vitale e il piccolo Marco, il figlio di Massimo è Matteo Ballesio.

Il film apprezzatissimo su Sky questa sera, potrete vederlo anche su Prime Video.

Non perdetelo perché è stupendo!

La cena perfetta

 Gli ingredienti a km0 di questo film sono gli attori, da Salvatore Esposito a Gianfranco Gallo e nel menù del ristorante dove Carmine tenta di realizzare il sogno di Consuelo (Greta Scarano), la chef di cui s'innamora, ci sono i sapori della vita, i ricordi d'infanzia che finiscono nel piatto: pasta e patate e la pastiera della nonna, ne sono un esempio.

E' un film sul riscatto, dove il regista Davide Minnella, dirigendo un soggetto di Stefano Sardo, da Napoli trasferisce la storia a Roma, passando dalla cucina fino a giungere al cuore.

Carmine è orfano, ma protetto dal boss della camorra Pasquale Rizzuto, a cui il padre ha salvato la vita.

Pasquale decide d'inviare Carmine a Roma per gestire un ristorante che servirà per riciclare il denaro sporco della camorra.

Basterà servire  cibo scongelato, non si chiede altro a Carmine eppure lui vuole creare un menu vero e proprio e per questo trova la persona giusta: Consuelo.

Occorre ristrutturare il ristorante per rispondere alle precise richieste della chef esigente e determinata.

Carmine non ha soldi a disposizione così li prende dove non dovrebbe e per questo dovrà affrontare Pasquale al tavolino del suo ristorante romano.

La cena perfetta sarà quella consumata da Pasquale e per una serie di sensazioni provate durante il pasto, Carmine avrà salva la vita ma dovrà allontanarsi per sempre dall'Italia e dalle persone amate.

E' un dolore che spezza il cuore ma il finale è pieno di bellezza, affatto scontata, ma meritata dai protagonisti di questo bel viaggio intenso e toccante.

Il film in prima visione su Sky, potrete trovarlo anche su Prime Video.

Consigliatissimo!

Tra due mondi

Al libro inchiesta di Florence Aubenace, Emmanuel Carrere s'ispira per raccontare la storia degli alienati delle ditte delle pulizie nei traghetti, che hanno la sveglia all'alba e quando terminano il turno non hanno quasi la forza di dormire turbati dalle scariche elettriche in tutto il corpo per l'immane sforzo a cui hanno sottoposto il fisico. 

La squadra in pochi minuti deve rifare i letti nelle cabine dei traghetti, pulire la stanza e i bagni e scomparire prima dell'arrivo dei turisti.

C' è una selezione molto severa del personale e si deve fare in modo che quello sia il lavoro dei sogni anche se è morficante sia materialmente date le sette euro l'ora guadagnate che psicologicamente.

 Florence è Juliette Binoche intensa più che mai e sempre bellissima anche se non indossa  le camicette, le gonne e le scarpe col tacco di Chocolat ma gli abiti lisi di una donna delle pulizie infiltrata tra i precari che solcano la Manica per cercare di capire il mondo degli alienati facendone parte, lavorando con loro e stringendo legami di amicizia che forse non sono destinati a durare, non con tutti come capita nella vita a ognuno di noi. 

Anche gli altri personaggi sono molto toccanti, alcuni dei quali sono veramente addetti alle pulIzie nei traghetti e non sono attori professionisti.

Le scene dei cessi luridi da pulire fanno quasi sentire male ed è impossibile non pensare ai viaggi in traghetto e a quelle lenzuola nei letti che gli addetti alle pulizie, hanno al massimo un minuto e mezzo per cambiare.

Vedere questo film fa riflettere anche sul fatto che all'estero i problemi di lavoro sono gli stessi dei nostro Paese per cui sarebbe meglio cercare di risolverli nel luogo dove si è nati anziché illudersi che all'estero si possa trovare l'Eldorado.


È una prima visione su Sky da vedere assolutamente!

Una famiglia mostruosa

 Potrebbe essere un Romeo e Giulietta in versione horror movie, trattandosi della storia d'amore tra due ragazzi appartenenti a due famiglie estremamente diverse e ostili in un'atmosfera da Hotel Transylvania; la vicenda dai risvolti tragicomici, ha inizio in una notte di Halloween ed è proprio in tale contesto che Volfango De Biasi dà vita ai suoi personaggi che indossano i panni di vampiri, vampirette, streghe, fantasmi, lupi mannari e donne invisibili, con pochi dolcetti e molti scherzetti per la povera Luna (Emanuela Rei), la malcapitata 'umana' giunta nel castello fuori dal tempo e dallo spazio dove risiede la famiglia 'mostruosa' del fidanzato e futuro padre Adalberto (Cristiano Caccamo).

Questa contemporanea Famiglia Addams, ha tradizioni secolari, come dormire in una bara per il pater familias Vladimir, interpretato da un irresistibile Massimo Ghini con la r aspirata e molto francese che rimanda al personaggio Il malconcio di Sordi ne I nuovi mostri.

Non si può chiedere a una strega come Brunilde, la bravissima Lucia Ocone, di essere conciliante e solidale con l'umana appena giunta nel castello.

Sarà il caso di chiedere a Sirio lo specchio magico se il nascituro sarà umano oppure mostruoso, ma occorre una password, come ricorda la voce straordinaria di Massimo Lopez, con le sue imitazioni persino di Mike Bongiorno.

Mentre vaga per la casa una deliziosa fantasma, Crisilde (Barbara Bouchet), la nonna di Adalberto e di Salmetta (Sara Ciocca), che non riesce a dormire oppure la ex di Adalberto divenuta la donna invisibile dopo un sortilegio, giunge la famiglia apparentemente normale di Luna: Nando e Stella, Lillo Petrollo e Ilaria Spada, lui un palazzinaro lei una psicologa e socia del marito, il cui vero motivo della loro unione, sono proprio gli interessi come spiega chiaramente.

Lo zio Nanni mostro, interpretato da un Paolo Calabresi in stato di grazia sembra una specie di Frankenstein Junior e chissà se riuscirà a riappropriarsi di un cervello nuovo...

La commedia è piena di effetti speciali e si fa vedere con piacere e sorpresa.

Molto bello anche il personaggio della vampiretta che come quasi tutti gli altri parenti, quando sorride mostra i suoi denti aguzzi.

Fantastica è la danza degli zombie, che mi riporta alla memoria Michael Jakcson.

Durante la visione, in alcuni momenti si prova paura come di fronte a un film horror ed è trattato molto bene il tema della diversità che la trasformazione di Adalberto da ragazzo in uomo lupo, mostra nitidamente come la presenza di un'umana nella casa dei mostri. Le due famiglie riusciranno a convivere pacificamente?


Il film in prima visione su Sky, è  consigliatissimo perché per 95 minuti allontana dalla paura nella vita reale.

Un giorno come tanti

Basta un giorno per rivoluzionare una vita e il romanziere Joyce Maynard lo racconta nella sua opera che diventa un best seller e che ispira Jason Reitman il quale sceglie un cast perfetto per il film Un giorno come tanti, che ho visto questa sera e che mi ha commosso e coinvolto per tanti motivi.

La bella e incantevole Kate Winslet è una moglie e una mamma che dopo anni di turbamenti legati al fatto che il suo corpo rifiuta altre gravidanze, il marito decide di lasciare per rifarsi una vita con la sua segretaria.

La fine del suo matrimonio, la affligge perché in lei muore l'amore che aveva trovato nel rapporto di coppia e ciò la rende una donna solitaria e triste, nonostante la devozione per il figlio Henry, un sensibile osservatore del mondo e custode della tristezza di sua madre.

Un giorno come tanti, al supermercato, Adele ed Henry si imbattono in Frank che chiede loro disperatamente aiuto.

L'uomo apparentemente ostile e temibile, è un evaso e ricercato che promette di andarsene dopo qualche ora  e che si rivela essere un uomo capace di grandi slanci e qualità, e Frank sarà in grado di riempire in soli cinque giorni, il vuoto che regnava nella casa di una madre e di un figlio soli e cucina con loro anche splendide torte di pasta frolla con le pesche mature che ispireranno a tal punto Henry da diventare un grande chef.

Adele è pervasa da un amore profondo per Henry, ma la vita la separerà di nuovo dall’uomo amato, perché tornerà in carcere e ci resterà per altri venticinque anni.

Nel finale struggente ambientato nei nostalgici anni ‘80 è davvero impossibile non piangere.

Josh Brolin è magnetico ed entusiasmante nei panni di Frank, come Gattlin Griffith in quelli del giovane e tenerissimo Henry, mentre l'Henry maturo è interpretato da Tobey Maguire.

E' un film poco noto eppure bellissimo sul senso della vita, sul valore del fato e sull'attesa.

Visione consigliatissima. 

Con chi viaggi


 Questa sera ho visto un road movie che mi ha veramente entusiasmato, sto parlando del nuovo film diretto da Younuts basato su Con quien viajas scritto e diretto da Martin Cuervo.

Il cast di Con chi viaggi funziona, alla guida della Mercedes c’è Lillo che offre un servizio di car sharing Roma - Gubbio a Elisa (Michela De Rossi) ma si accorge che altri tre ragazzi hanno prenotato sulla app il posto in automobile per giungere in Umbria.

In pratica quattro perfetti sconosciuti si ritrovano in viaggio insieme oddio non tutti lo sono, infatti Anna (Alessandra Mastronardi) e Michele (Fabio Rovazzi) sono stati insieme ma la loro storia è finita a causa di un tradimento.
Il viaggio ha tinte noir e impreviste, cosa che riesce benissimo a Lillo, apprezzato in spettacoli teatrali surreali e anche spaventosi.
Mi è piaciuta molto anche Michela De Rossi.
Che bella visione su Sky questa sera ma non vi preoccupate, potrete vederla anche su Prime video e il film merita di essere visto.  

La ragazza di Stillwater


 Ho finalmente visto su Sky in prima visione La ragazza di Stillwater e ho trovato sia il cast che il regista estremamente impegnati nell’essere così vicini alla realtà, ispirandosi liberamente al delitto di Perugia, eppure così lontani da quella storia.
Matt Damon è Bill, un operaio dell’industria petrolifera in Oklahoma, vedovo con una figlia Allison (Abigail Breslin) che lascia l’America per salvarla. È imprigionata nel carcere di Marsiglia dopo che è stato trovato nel suo appartamento il corpo senza vita dell’amata Lina con la quale conviveva.
Nel territorio marsigliese Bill trova una realtà totalmente diversa da quella a cui era abituato, conosce Virginie una donna single  con una figlia deliziosa di nome Maya, che lo aiutano con la comprensione della lingua francese e lo accolgono nella loro casa, come accade in Francia.
Bill è disposto a tutto, nonostante le difficoltà incontrate nei mesi di permanenza, dove riesce a integrarsi e a lavorare, per portare  a termine la sua missione di salvare la figlia da una condanna probabilmente ingiusta.
È un viaggio sia reale che psicologico di crescita e redenzione dove niente sarà più come prima.
Tom McCarthy ha diretto un cast integrato, dove attrici francesi come la bravissima Camille Cottin hanno interagito con l’americano Matt Damon sempre all’altezza dei ruoli che interpreta e per esserlo anche questa volta, ha studiato i comportamenti degli operai nell’ industria petrolifera dell’Oklahoma. 
 

È un film molto interessante in programmazione su Sky. 

La donna per me


 L’aspetto straordinario del film appena visto su Sky è uno: la riscoperta del valore della quotidianità, un bene prezioso quanto temuto da un giovane in procinto di sposarsi.

Andrea dopo essere stato fidanzato per sette anni con Laura, durante l’addio al celibato con gli amici di sempre, desidera essere un altro e vivere una vita più emozionante di quella che si prospetta dopo il suo imminente matrimonio.

Il sogno per magia si avvera, così ogni mattina si trova a vivere lo stesso giorno ma con un’identità, in una casa e con una ragazza differente.

Eppure in ogni identità e in ogni giorno, Andrea cerca Laura che le manca.

La commedia romantica diretta da Marco Martani, sceneggiatore di film come Ex, Maschi contro femmine, La mafia uccide solo d’estate ecc. è un ottimo  esempio di esaltazione del ‘per sempre’ temuto eppure il reale fine di ogni esistenza felice.

Ottima prova per il giovane attore pescarese Andrea Arcangeli, apprezzato in Domani è un altro giorno, capace di esprimere l’incanto e la magia dell’amore.

Bel debutto per Francesco Gabbani che con il suo La mira, impreziosisce un film davvero interessante.

Brava Alessandra Mastronardi nei panni di Laura, la donna ideale e gli amici di Andrea da Stefano Fresi a Eduardo Scarpetta fresco di David a Cristiano Caccamo che apprezzai molto in Puoi baciare lo sposo.

Consigliato per sognare un po’.

Solo per passione Letizia Battaglia


Solo per passione, Letizia Battaglia è una miniserie in due puntate dedicata alla celebre fotografa e fotoreporter palermitana, recentemente scomparsa. La fiction Rai racconta la vita della donna, sempre in prima linea per raccontare la mafia e le ingiustizie e va in onda domenica 22 e lunedì 23 maggio.


Ho visto su Raiplay entrambe le puntate, dove il regista Roberto Andò, ripercorre la storia dell’Italia che rivive attraverso gli scatti di una donna, di una protagonista e di una testimone di quegli anni.
La comunicazione è anche e soprattutto immagine nitida degli eventi e dei fatti e dei morti ammazzati che Letizia immortalò e che Isabella Ragonese magistralmente interpreta con gli occhi spesso pieni di lacrime e di un dolore indicibile ma certa che il suo lavoro avrebbe cambiato le cose.
Accanto alla Ragonese recitano attori straordinari come Paolo Briguglia nei panni di Franco, il solo marito e padre delle tre figlie di Letizia e Peppino Mazzotta in quelli del giudice Giovanni Falcone (in foto) che proprio oggi, ormai trent’anni fa ci ha lasciato.
Eleonora De Luca (Le sorelle Macaluso, L’ora legale) è la giovane Letizia che dopo la fuitina a soli 16 anni, sposa Franco Stagnitta, che lascerà perché non si sente felice.
Letizia avrà giovani amori dopo il marito e validi collaboratori come Santi Caleca (Enrico Inserra) che la avvicinerà alla fotografia e Franco Zecchin (Federico Brugnone) con cui lavorerà e vivrà per tanti anni.
Il regista immortala gli intenti, il duro e costante impegno di una donna in mezzo agli uomini.
Il film è un racconto lucido e doloroso a tratti insopportabile dell’Italia e di alcuni tra i migliori italiani che hanno fatto il possibile per far trionfare la giustizia.
C’è anche la vera Letizia Battaglia nei panni di se stessa che si congeda da questo mondo lasciando un’eredità immensa: le sue fotografie.

L’ultimo libro (Best sellers)


Harris Shaw “Cristo aveva dei followers, non è finita bene per lui”.

Chi è Harris? 

È uno scrittore che odia il mondo, odia tutto e tutti tranne sua moglie alla quale ancora si rivolge anche se non c’è più.

Harris è l’autore che con Autunno atomico ha reso famosa la casa editrice che lo ha pubblicato e Lucy, la figlia dell’editore ormai malato, tenta di rilanciarla e come? Cercando quell’autore la cui pubblicazione dell’unico libro, ha reso quella del padre, la giornata più bella della sua vita.

Dopo il rifiuto iniziale, Harris esce dalla casa nella quale è praticamente seppellito, l’unica cosa a tenerlo vivo, oltre al ricordo è la scrittura.

Il futuro a luci rosse è pronto ma sarà necessario un tour promozionale e la location ideale sarà il bar, a partire da quello in cui il suo unico editore lo conobbe.

Michael Caine è Harris, ha 88 anni, è bevitore ed eccessivo che regala nelle pagine del suo libro perle di saggezza e riflessioni davvero commoventi che non sarà lui a leggere ma i lettori presenti alle presentazioni, tutti molto giovani.

I contrasti tra Harris e Lucy (Audrey Plaza) si trasformeranno in amore e Lina Roessler, la regista, ci regalerà un bel finale che renderà questa dramedy on the road davvero indimenticabile.

Una splendida prima visione su Sky ❤️ e pare che questo non sia il suo ultimo film per Caine alla soglia dei 90 anni!

Il castello di vetro


 Rex “Non abbiamo costruito il castello di vetro”

Jeannette “No, ma è stato bello progettarlo!”.

Sono due delle frasi più emblematiche del film in programmazione su Sky, tratto dal best seller della giornalista Jeannette Walls, incentrato sulla figura del padre, l’uomo più sognatore del mondo che senza mezzi e possibilità, progetta un vero e proprio castello interamente in vetro per la sua amata famiglia alla quale non riesce a garantire una casa stabile e dignitosa o i pasti quotidiani e un’istruzione adeguata ma una vita itinerante, promettendo loro di “trovare il posto perfetto e lì costruiremo il castello”.

Rex è un alcolizzato eppure insegna ai figli l’amore per la natura, le leggi che governano il mondo e a diventare persone meravigliose come lui non ha saputo essere inseguito dai suoi demoni interiori probabilmente per via di una carenza affettiva molto forte cresciuto con una mamma insensibile e crudele.

La figura di Rex nel film diretto da Destin Daniel Cretton, è magistralmente interpretata da Woody Harrelson, intenso e struggente come soltanto lui sa essere e che trovo sottovalutato, come questo film che merita di essere visto e rivisto per la valanga di emozioni che porta con se.

Molto brava anche Brie Larson nei panni della Jeannette adulta e Naomy Watts in quelli di Rose Mary, la moglie di Rex e la mamma di tre ragazzi meravigliosi con cui vive la vita con coraggio all’insegna dell’avventura e della sua arte. 

“I ricchi di città vivono in case stupende, ma l'aria è così inquinata che non vedono nemmeno le stelle.” Woody Harrelson - Rex.

Alice


 Questa sera ho scelto un film in lingua originale su Prime video e ho visto la pellicola francese diretta da Josephine Mackerras intitolata “Alice”.

È la storia di una moglie e madre giovane e bella abbandonata da un giorno all’altro da suo marito Francois che ha ipotecato la casa per spendere i suoi soldi con le escort. 

L’amara scoperta di Alice, la sconvolge e le spezza il cuore e dopo aver verificato i debiti in banca e il rischio imminente di perdere tutto, sceglie a malincuore di entrare in un giro di prostituzione per poter riavere la casa.

Il marito tornerà dalla sua famiglia ma troverà una donna diversa che vuole iniziare una nuova vita e che ha imparato a conoscere se stessa e le sue priorità.

È molto bella l’amicizia tra Alice e una ragazza che la aiuta a salvare la casa diventando per un breve periodo, una escort proprio come lei.

Nonostante l’argomento delicato, il tema è trattato con sobrietà e garbo.

Il cast è straordinario da Emilie Piponnier, a Martin Swabey a Chloe Boreham.

Anche il linguaggio è adeguato e la storia è molto attuale e fa riflettere sulla natura dell’amore, sul rapporto di coppia e sulle amicizie nate nei momenti peggiori della vita. 

È un film che consiglio e che potrete vedere con i sottotitoli se non conoscete il francese.


Ce soir j'ai choisi un film en langue originale sur Prime vidéo et j'ai vu le film français réalisé par Joséphine Mackerras intitulé "Alice".

C'est l'histoire d'une jeune et belle épouse et mère abandonnée du jour au lendemain par son mari François qui a hypothéqué sa maison pour dépenser son argent en escortes.

L'amère découverte d'Alice la bouleverse et lui brise le cœur et après avoir vérifié ses dettes à la banque et le risque imminent de tout perdre, elle choisit à contrecœur d'entrer dans un réseau de prostitution afin de récupérer sa maison.

Le mari retournera dans sa famille mais trouvera une femme différente qui veut commencer une nouvelle vie et qui a appris à se connaître et à connaître ses priorités.

L'amitié entre Alice et une fille qui l'aide à sauver la maison en devenant, pour un court instant, une escorte comme elle est très belle.

Malgré le sujet délicat, le sujet est traité avec sobriété et grâce.

Le casting est extraordinaire d'Emilie Piponnier, à Martin Swabey en passant par Chloe Boreham.

Le langage est également adéquat et l'histoire est très actuelle et nous fait réfléchir sur la nature de l'amour, sur la relation de couple et sur les amitiés nées dans les pires moments de la vie.

C'est un film que je recommande et que vous pouvez voir avec des sous-titres si vous ne connaissez pas le français.


Il bambino nascosto


Gabriele Santoro ripete a memoria  i versi della poesia Itaca del poeta greco Konstantinos Kavafis mentre intinge il pennello al sapone da barba davanti allo specchio in bagno, per iniziare la sua giornata e la quotidiana attività di maestro di pianoforte a scuola.

Ma non sarà un giorno come gli altri perché un bambino è all’ingresso di casa, entrato quando la porta è stata aperta per il postino.

Ciro è il figlio dei vicini di casa che chiede aiuto al ‘maestro’ come lo chiamano a Forcella, per salvarsi la vita.

Così il maestro solo, mai sposato e senza figli, entra nell’universo interiore di un bambino che neanche i genitori sanno difendere e di cui diventerà il padre putativo e un vero e proprio maestro di vita per Ciro che sarà per Gabriele un buon compagno di viaggio.

Il film è l’adattamento dell’omonimo romanzo di Roberto Andò e mostra la Napoli e i napoletani colti, giusti e buoni come Gabriele che è interpretato da Silvio Orlando, il fratello magistrato Renato di cui veste i panni  Gianfelice Imparato e il padre Massimo ossia Roberto Herlitzka, oppure Vittorio e Biagio interpretati da Enzo Casertano e Francesco Di Leva e la Napoli dei cattivi come Diego interpretato da Lino Musella e quelli senza educazione come Ciro, il bravissimo Giuseppe Pirozzi che hanno bisogno di distinguere il bene dal male. 

È un viaggio umano e sociale pieno di ostacoli e qualche inaspettata sorpresa come lo spettacolo del mare straniero sul finale. 

“Quando ti metterai in viaggio per Itaca, devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze…” Itaca K. Kavafis

Un altro esempio di bel libro che diventa un bel film.

Da vedere!

Palma d’Oro onoraria a Cannes e Bird




Cannes (Francia), 18 mag. (askanews) - Forest Whitaker, 60anni, attore, produttore e regista americano, ha ricevuto la Palma d'Oro onoraria alla cerimonia d'apertura del 75esimo Festival di Cannes.

Vincitore dell'Oscar per "L'ultimo re di Scozia", interprete di film come "Ghost Dog", ha sfilato sul red carpet e in conferenza stampa, emozionato, ha raccontato di come Cannes gli abbia cambiato la vita. Nel 1988 proprio sulla Croisette venne premiato per il ruolo della leggenda del jazz Charlie Parker nel film "Bird" di Clint Eastwood.

"Quando sono venuto a Cannes sono stato riconosciuto come artista per la prima volta a livello internazionale. Per certi versi ha davvero cambiato la mia vita e la traiettoria della mia carriera, mi ha permesso di essere visto come un artista e non solo come un attore".

Allora aveva meno di 30 anni, era solo agli inizi. "É stato un regalo. Il più grande regalo che potessi immaginare all'epoca, no? Ricordo che la sera prima ero nella mia stanza e mio fratello era con me, avevo portato mio fratello, e mi disse: 'Ehi, dicono che è possibile che tu vinca qualcosa'. E io ho pensato: 'Dici sul serio? Non credo proprio'. Lui mi ha risposto: sì, dovresti provare a pensarci'".

Whitaker è ambasciatore Unesco, filantropo, attivista per gli animali e l'ambiente e a Cannes in veste di produttore ha portato anche un documentario girato nel Sudan del Sud.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -  

Ho voluto riportare la notizia di oggi sulla Palma d’Oro consegnata a Whitaker durante la cerimonia d’apertura del 75esimo Festival di Cannes e forse per l’occasione Sky ha ritrasmesso questo pomeriggio un film che mi ha rapito, sto parlando di “Bird” dove mister Whitaker è lo straordinario sassofonista scomparso prematuramente ma che riuscì a ispirare generazioni di musicisti.

Il film prodotto e diretto da Clint Eastwood e scritto da Joel Oliansky, è un tributo alla vita e alla musica jazz del sassofonista nero Charlie Parker, chiamato confidenzialmente Bird.

Il titolo racchiude tutto il calore, l’umanità e l’amore che Parker diffuse attraverso il suo carattere cordiale e la sua incantevole musica.

Il meritatissimo Oscar per la colonna sonora davvero straordinaria, è stato un bel modo per omaggiare un film eccezionale come questo dove il regista mostra il grande cuore dell’artista e dell’uomo di colore che infonde la sua arte in giro, con umiltà ed estrema dedizione, suonando in locali famosi e persino in una cerimonia di nozze, al  culmine del successo.

Ha un grande amore per le donne, per una in particolare che sposa e alla quale da figli e pensieri e preoccupazioni.

La signora Parker è stata il suo sostegno più grande anche quando condividono la perdita dell’amata figlia.

Le dipendenze da droga e alcol, finiranno per stroncare la giovane vita di un artista che continuerà a brillare per sempre, essendo stato uno dei fondatori del movimento musicale chiamato bebop.

Il film arricchisce ed emoziona e consente d’innamorarsi di Forest Whitaker e del jazz.

Cercatelo su Netflix! 


A Chiara


 Dopo aver seguito l’ultima edizione dei David di Donatello, mi ha incuriosito il David come Miglior Attrice Protagonista alla giovane promessa del cinema Swamy Rotolo per il film A Chiara, scritto e diretto da Jonas Carpignano.

La prima visione su Sky questa sera ha soddisfatto la mia curiosità.

Swamy è Chiara, un’adolescente spensierata, come è normale essere a quell’età, innamorata della vita, della sua famiglia con una particolare predilezione per il padre Claudio,  uomo affettuoso e amorevole verso le figlie  al punto da organizzare una festa fantastica per i 18 anni della sorella di Chiara, Giulia che è in procinto di prendere la patente e di spiccare il volo.  

Chiara si accorge dell’esplosione dell’automobile di suo padre, a cui segue la sua sparizione.

Lei chiede ma nessuno vuole dirle la verità.

Sarà lei a scoprire tutto, nel buio e angusto rifugio sotto casa.

Inizia così il suo percorso di crescita alla ricerca di una verità che sarà il padre stesso a spiegarle, dopo aver visto con i suoi grandi e profondi occhi cose che non avrebbe mai immaginato.

Nel film che è l’ultimo della trilogia ambientata tra Gioia Tauro e Rosarno dopo Mediterranea e A Ciambra, il dialetto si alterna all’italiano soprattutto in alcuni passaggi anche se è tutto molto chiaro.

Il lasso temporale scandito nel film, è da compleanno a compleanno. 

Ma c’è poco da festeggiare.

La necessità è quella di diventare grandi il prima possibile ed essere consapevoli che spesso la vita fuori è ben diversa da quella che appare dentro le mura domestiche.

Con la macchina da presa a mano, il regista entra dentro le cose, nel cellulare di Chiara e in fondo ai suoi occhi vivaci, poi curiosi e smarriti.

Una storia coraggiosa e per certi versi mai raccontata prima.

A Chiara è in programmazione su Sky.

Un altro giro


 
Incontri tra ‘bevitori’, sembrano essere la soluzione per i protagonisti di un film davvero meraviglioso come questo.

Martin e amici, insegnanti demotivati e annoiati, iniziano un esperimento. La teoria di base è quella del norvegese Finn Skårderud, che sostiene che ogni essere umano nasca con una piccola quantità di alcol in corpo. La loro idea è dunque bere alcolici in quantità tale da mantenere un leggero stato di ebbrezza. In questo modo, oltre ad aiutare la scienza, torneranno ad essere i brillanti insegnanti di un tempo. Ad appoggiare la loro tesi ci sono anche fatti storici e letterari, con Churchill che vinse la Seconda guerra mondiale sempre ubriaco e le abitudini di Hemingway.   

È una danza di anime perse, dove la colonna sonora è la percentuale di alcol che questi quattro amici decidono di aggiungere alle loro giornate apparentemente vuote, nonostante il lavoro, la famiglia e i figli che forse hanno spento quel battito vitale che cercano di riconquistare ispirati da una festa di giovani.

Mads Mikkelsen esegue il ballo più importante sul finale, danzando magnificamente, essendo stato un ballerino professionista e la sua danza è lucidamente folle, perdendosi nel vorticoso tempo della vita che passa, perché no, beatamente.

Chiusura perfetta per un film da pelle d’oca che è valso al regista danese Thomas Vinterberg un Oscar come Miglior film straniero nel 2021.

Il bere come metafora di festa e gioia, non come dipendenza, è un bel modo di considerare il rapporto benefico dell’alcol assunto in quantità moderate.

Scoprite se non lo avete ancora fatto, la storia di questi quattro bohémiens contemporanei, in cui ci si riconosce.

Sulla giostra


 Passano incredibilmente gli anni, i genitori invecchiano come le case di famiglia. 
Ce n’è una grande in Salento, che la mamma di Irene vuole vendere.

In quella casa vive Ada, una donna operosa e schiva a tratti affettuosa ma solo con chi sceglie di aprirsi.

Claudia Gerini è Irene e Lucia Sardo è Ada.

L’una separata con un figlio, gestisce una casa di produzione e l’altra saggia e anziana è la custode di una memoria collettiva e familiare preziosa.

L’agente immobiliare che si sta occupando della vendita della casa è Alessio Vassallo ancora giovane per ricordare e abbastanza maturo per comprendere (forse) la complessità e la solitudine di una madre e di una donna come Irene, che vive una crisi e una rinascita in quel paesino dove è nata e dal quale era fuggita.

Come Irene anche il figlio vuole fuggire, andare a Milano.

Nella casa si riunisce la famiglia, persino Filippo (Paolo Sassanelli) l’ex marito di Irene.

Nel paese sul mare il tempo sì dilata e le emozioni tornano a fluire come il senso di comunità, che nella città è scomparso.

Il film diretto da Giulia Cecere, in prima visione su Sky, fa riflettere. 

Iris Un amore vero


 Adattato da Elegie per Iris di John Bayley, questo meraviglioso film ripercorre i 40 anni d’amore e di vita stravagante di John professore di letteratura e la scrittrice Iris Murdoch tra timidezze iniziali di lui e socievolezza di lei, amante della vita e delle parole che la renderanno autrice di più di venti romanzi di successo.

Quelle parole che Iris ama, un giorno svaniranno per colpa dell’Alzheimer che il regista Richard Eyre ha rappresentato usando oltre ai dialoghi le immagini di una casa disordinata come i pensieri di colei che fu una scrittrice famosa, che amava nuotare, ballare, oltre che scrivere.

La Iris giovane è rappresentata magnificamente da Kate Winslet e il giovane John dall’altrettanto bravo Houg Bonneville mentre l’anziana Iris sarà interpretata da Judi Dench struggente nella malattia e l’anziano John è Jim Broadbent che per la sua fantastica performance vince il Premio Oscar come Miglior Attore Non Protagonista.

In questo film, attraverso il ricordo di Iris, è rappresentato come dovrebbe essere l’amore che dura una vita intera: libero

Ho apprezzato immensamente il film visto su Prime video e lo consiglio a tutti.

The tomorrow man


 Sarà disponibile ancora per sette giorni su Raiplay, io l'ho visto questa sera e ve ne voglio parlare.

Ed e Ronnie sono i protagonisti di questa storia.

Sono anziani, soli eppure pieni di curiosità per la vita e per particolari ossessioni e manie che li rendono simili.

Lui nota lei in un piccolo supermercato dove vanno a fare la spesa, lei lo lascia entrare nel suo tempo, si lascia incantare dalle storie che racconta durante i loro incontri e senza rendersene conto, iniziano una nuova vita insieme fatta di sogni, risate, progetti, ricordi e tanto altro.

Ed è separato con un figlio, Ronnie è vedova ed ha perso la figlia per colpa di una malattia rara.

Essendo un survivalista apocalittico, Ed crede la fine sia vicina e per questo ha investito tutti i soldi della pensione in un rifugio efficiente e funzionale nel suo seminterrato, vuole mostrarlo a Ronnie per non avere con lei alcun segreto.

Ronnie ha sviluppato la mania di collezionare qualunque oggetto e ha la casa piena di chincaglieria.

Nobel Jones dirige magnificamente John Lithgow e Blythe Danner, fa comunicare le loro anime, mostrandone la purezza incontaminata nonostante i tragici eventi che hanno dovuto affrontare.

C'è una tenerezza che li unisce ed è quel tipo di tenerezza che dovrebbe unire ogni coppia.

E' un film sulla speranza, sull'amore, sul bisogno di avere una persona accanto con cui condividere l'esistenza, non conta a quale età ciò accada.

Cercate il film e vedetelo, poi fatemi sapere se vi è piaciuto.



PennadorodiTania CroceDesign byIole