L’ombra del giorno

 Lo spettro della prima guerra mondiale e la tangibile drammaticità della seconda guerra e dell’alleanza tra Mussolini ed Hitler, sconcerta le vite dei protagonisti de L’ombra del giorno, un racconto spietato e a tratti persino romantico dell’uomo impotente e sopraffatto dal destino, un destino che lo vuole prima carnefice poi vittima della storia che si sta consumando fuori e che sembra non sfiorare il ristorante che dirige con sapienza e coraggio.

Quest’uomo è Luciano, uomo di guerra e d’amore, fascista un tempo ma dal cuore tenero al punto da innamorarsi di Anna, la ragazza che lavora nel suo ristorante.

Lei è bella, abile, ha intelligenza e carattere e serba un segreto.

Giuseppe Piccioni sceneggia e dirige un bel cast a partire da Riccardo Scamarcio di cui quasi non si ricorda il passato di ‘belloccio’ e che ora colpisce per l’intensità della sua performance davvero impeccabile.

Accanto a lui spicca la bella e brava Benedetta Porcaroli e il compianto e meraviglioso Antonio Salines, il professore anziano frequentatore del ristorante, cordiale e inoffensivo e che ama dire quel che pensa, avendo gli anni per poterselo permettere e che sa commuovere e restare impresso in quella che è stata la sua ultima apparizione e a cui il film è dedicato.

Al ristorante in Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno, si svolgono quasi tutte le scene del film dove non posso dimenticare di citare Lino Musella nei panni di Osvaldo e Vincenzo Nemolato in quelli del cuoco Giovanni. 

Il film apprezzato su Sky cinema questa sera, è da vedere! 

Settembre

 Settembre giunge al termine dell’estate e inaugura l’autunno desiderato da molti dopo una lunga stagione calda, che ci ha lasciato senza fiato, senza orientamento.

Questo senso di refrigerio dopo la torrida estate passata, è espresso nel bellissimo Settembre fortemente voluto da Giulia Steigerwalt sceneggiatrice e regista esordiente che racconta magnificamente i sentimenti nelle diverse stagioni dell’esistenza con tutta l’umanità possibile e attraverso un cast eccezionale a partire dal mio preferito Fabrizio Bentivoglio a Barbara Ronchi, stanchi entrambi di essere quel che sono sempre stati e desiderosi di vivere veramente sentimenti buoni e belli, candidi e autentici. 

Attorno a questi due bravissimi attori ce ne sono altri altrettanto bravi che li orientano nelle nuove strade da percorrere: Ana (Tesa Litvan) e Deborah (Thony) amatissima in Tutti i santi giorni e che ritrovo con immenso piacere nel film apprezzatissimo questa sera e in prima visione su Sky cinema.

La visione di Settembre è un viaggio incredibile  e un treno da non perdere!


La bambola di pezza

 Questa sera ho visto un corto presentato in anteprima come evento speciale alla 79a edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, che fa parte di un progetto transmediale sull'adescamento online.

Mia ha 16 anni, ed  è convinta dall'amico Lorenzo ha iscriversi a una app, un vero e proprio diario virtuale dove potersi raccontare, confidare e aprire; La ragazza subito dopo aver creato il suo diario virtuale viene immediatamente aggiunta da Tommaso, un ragazzo sensibile, comprensivo, empatico, di cui l'adolescente smarrita si fida e scegli di trascorrere insieme il giorno del suo compleanno.

Tommaso invita Mia a casa sua, lei è entusiasta, si sente veramente compresa e amata ma si accorge subito dopo aver ricevuto come regalo di compleanno una graziosa bambola di pezza, di trovarsi di fronte a un adescatore che la minaccia di pubblicare tutte le conversazioni online e le foto e i video condivisi se non esaudisce i suoi desideri.

La ragazza è reclusa nella casa di questo ragazzo che anziché essere comprensivo, mostra la sua reale identità così si chiude dietro a una porta per salvarsi da Tommaso e per fortuna torna a casa la madre, una criminologa e psicologa che si mostra solidale con la ragazza adescata e lo dimostra denunciando suo figlio.

Questo corto diretto da Nicola Conversa con Mariasole Pollio (Mia), Giancarlo Commare (Tommaso), Tommaso Cassissa (Lorenzo) e Claudia Gerini (la madre di Tommaso) è il diario di una sopravvissuta, ossia di una ragazza indenne, perché salvata da un adulto, in questo caso dal genitore dell'adescatore che anziché alimentare il mostro dentro le mura domestiche, lo condanna per mettere fine ad un comportamento violento e pericoloso.

E' un corto in cui vince il bene perché il male non può vincere per sempre.

Ne consiglio la visione su Raiplay.

L' ospite inatteso

 Richard Jenkins commuove fino alle lacrime e avrebbe meritato oltre alla candidatura, un Oscar per la sua interpretazione incantevole nel bellissimo film L'ospite inatteso sull'amicizia e l'immigrazione nell'America dopo l'11 settembre,  diretto da Tom McCarthy e in programmazione su Sky.

Jenkins è il prof. Walter Vale, che torna a New York per sostituire una collega a una conferenza. Giunto in città scopre che il suo appartamento è occupato da una coppia d'immigrati clandestini: il siriano Tarek e la senegalese Zainab.

I due giovani sono molto innamorati e si danno da fare per vivere a New York, lei crea gioielli che vende in un mercatino all'aperto e lui ama suonare le percussioni sia nei locali la sera che ai raduni di appassionati nel verde!

L'amicizia tra Walter e i ragazzi è immediata; Non solo li ospita ma condivide con Tarek, la sua passione per la musica..

I due stanno sempre insieme ma al termine di una bella giornata al parco tra musica e spensieratezze, Tarek viene fermato sotto la metropolitana per futili motivi, portato nel centro per clandestini nel Queens in attesa di giudizio.

Walter affranto, va a trovarlo tutti i giorni e cerca di stare vicino a Zainab che andrà presto a vivere da suo cugino.

Un avvocato specializzato in immigrazione, contattato da Walter, segue il caso di Tarek, che è sempre più smarrito.

Giunge persino la mamma di Tarek dal Michigan per stare vicino a suo figlio. Anche lei è vedova e viene gentilmente ospitata da Walter.

Walter e Mouna, diventano presto amici e una sera per far svagare la bella donna, le regala un posto al Majestik Theatre per vedere Il fantasma dell'opera, sapendo quanto lei ami questo spettacolo.

E' quasi amore tra Walter e Mouna, ma la notizia che Tarek sia stato purtroppo espulso, fa volare la mamma in Siria per stare accanto a suo figlio.

È una storia molto toccante dove la New York un tempo accogliente, mostra le sue ferite ancora aperte che si trasformano in xenofobia.

E' un film che ho amato moltissimo e che a distanza di anni (è del 2007) fa riflettere sui fatti che hanno cambiato il volto di una città e in cui il sogno americano per uno straniero è lontano e irraggiungibile senza i documenti in regola e i permessi di soggiorno. 

Se non lo avete ancora visto, ve lo consiglio!

Alta moda Haute couture

 Dietro forbici, aghi, fili e stoffe preziose, ci sono storie da raccontare come quella di Esther, esperta e responsabile della sartoria Dior, che in una mattina come tante, dopo aver salutato le sue belle rose alle quali si rivolge come fossero amiche con cui confidarsi, viene derubata da Jade, una ventenne problematica alla quale verrà offerto di lavorare nella prestigiosa sartoria come stagista, per imparare un mestiere e dare un senso alla propria esistenza.

Sarà Esther a trasmettere tutti i segreti del cucito alla giovane apprendista che proviene dalla periferia e che convive con una madre costantemente depressa e sdraiata nel letto o sul divano a guardare la tv, a mangiare, bisognosa di assistenza quotidiana.

Esther è una donna esigente, una sarta perfezionista e severa, però dietro quella corazza si cela una sessantenne estremamente fragile, malata e lontana dai suoi affetti più cari.

Tra le due donne, appartenenti a due generazioni così lontane e a ceti sociali differenti, si creerà un legame profondo e duraturo.

Questo film mostra come la Francia conceda chances alle donne di buona volontà e la regia di Sylvie Ohayon è davvero perfetta come gli abiti di Dior.

La parte di Esther è affidata all'impeccabile Nathalie Baye.

Jade è Lyna Khoudri e l'incantevole Clotilde  Courau interpreta la mamma di Jade.

Il film in prima visione su Sky cinema due da questa sera è consigliatissimo!

 

Marry me - Sposami

 Marry Me - Sposami (Marry Me) è un film del 2022 diretto da Kat Coiro da questa sera in prima visione su Sky.

Il film, interpretato da Jennifer Lopez, Owen Wilson e Maluma, è l'adattamento cinematografico dell'omonima graphic novel scritta da Bobby Crosby.


La trama

La superstar del pop Kat Valdez è una starlet nota da tempo della comunità latina per una serie di matrimoni falliti con personaggi famosi. Dopo che Marry Me, una canzone di Kat e del suo fidanzato, Bastian, è diventata la vetta delle classifiche in tutto il mondo, hanno in programma di tenere la cerimonia di matrimonio davanti a un pubblico in streaming in uno dei concerti di Kat. Altrove c'è Charlie Gilbert, un insegnante di matematica divorziato che viene convinto dall'amica Parker e la figlia Lou a partecipare al concerto.

Tuttavia, poco prima che Kat sia pronta per andare all'altare, i notiziari scoprono l'infedeltà di Bastian con l'assistente di Kat, Tyra, e la trasmettono ai suoi fan al concerto. In pericolo, Kat vede Charlie tra la folla con in mano il cartello di Parker con la scritta Marry Me. Con sorpresa di Charlie e di tutti gli altri, lei decide impulsivamente di sposarlo.


La recensione

E' possibile o sensato sposare una persona che non si conosce?

È quel che ci si chiede guardando Marry me e a pensarci bene, se Harry ti presento Sally indaga sulla possibilità di avere una donna per amico, questo film la cui gestazione è stata rallentata dalla pandemia, mostra le diverse forme d'amore: l'amore tradito, l'amore scoperto per caso e forse il più autentico, l'amore di un padre per sua figlia.

Jennifer Lopez che personalmente ammiro moltissimo sia come cantante che come attrice, è brillante nelle commedie romantiche e questa volta recita nei panni a lei più congeniali: quelli di una cantante e ballerina di successo.

 Tra bella musica e momenti sentimentali e romanticissimi, la commedia conquista e commuove.

La consiglio perché ci si innamora di una storia così bella!


Illusioni perdute


 Trae linfa vitale dall'opera letteraria di Honoré de Balzac questo film attualissimo sulle belle speranze di Lucien, un aspirante poeta amante delle parole e della fama.

L'amore per la bella, ricca e infelice Louise, sposata con un uomo anziano e privo di slanci culturali, conduce Lucien dalla campagna alla ville lumiere, dove si avverano i sogni di un giornalista in erba ambizioso e desideroso di guadagnare una sua dignità verso quell'aristocrazia che lo aveva sottovalutato ed escluso.

Sarà l'incontro con Etienne, redattore corrotto e senz'anima di una piccola gazzetta libera e di successo, a condurre Lucien nel tunnel senza uscita dell'illusione mentre ha inizio la sua 'gavetta' giornalistica.

Quel che scriverà, determinerà il successo o il fallimento di uno spettacolo teatrale ed è nel teatro che nota e si innamora di Coralie, attrice povera e buona che lo amerà con devozione fino all'ultimo dei suoi giorni.

Mentre Georges Duroy il Bel Ami di Maupassant, usa le donne più ricche e influenti di Parigi per diventare un giornalista di successo, il Lucien di Balzac, ne è sedotto e dedica loro poesie e slanci amorosi.

Due secoli prima Balzac ebbe la capacità e il coraggio di mostrare vizi e falle di una società che somiglia alla nostra, attraverso una commedia umana fatta di compromessi fra politica e stampa. dove il prezzo per poter emergere è troppo alto da pagare.


In questo affresco meraviglioso diretto abilmente da Xavier Giannoli, brillano Benjamin Voisin, Cecile de France, Vincent Lacoste, Xavier Dolan, Salomé Dewals, Jeanne Balibar, Gerard Depardieu che mostrano una Parigi che seduce e abbandona.

Il film in programmazione su Sky cinema due da questa sera, è consigliato a chi ama il teatro e agli idealisti che non smettono mai di sognare e di credere in un mondo giusto e onesto! 

Io l ‘ho adorato! 

 

   

Leonora addio

 I film hanno il potere di far sognare e anche quello di far conoscere storie che sembrano inverosimili come quella raccontata da Paolo Taviani, in Leonora addio dov'è ricostruito il vero viaggio delle ceneri di Luigi Pirandello da Roma ad Agrigento e a guardare bene questa storia pare che sia stato il drammaturgo stesso a scrivere ciò che gli sarebbe accaduto dopo la sua vita terrena.

Le immagini in bianco e nero, tra i fumi del treno che conduce la cassa di legno con le ceneri di Pirandello dietro la custodia di uno scrupoloso e impeccabile  Fabrizio Ferracane che perde di vista la sua cassa per un colpo di sonno imprevisto e che si trasforma in un tavolino da gioco su cui dei viaggiatori innocui, passano il tempo tra partite a carte, sono accese dalla narrazione di quella che fu l'ultima novella pirandelliana con la quale si congedò artisticamente e materialmente dall'esistenza terrena: Il chiodo.

Leonora addio è anche un viaggio a ritroso negli anni della seconda guerra mondiale e dell'immediato dopo guerra ed è pieno di addii, di disperazione e rassegnazione e di grande rispetto e ammirazione per il drammaturgo agrigentino che fu e sarà il più grande di tutti.

La filosofia del lanternino, espressa nel romanzo Il fu Mattia Pascal secondo la quale all'uomo non è dato di conoscere la realtà nella sua interezza perché dotato di una luce fioca generata da un lanternino per cui il mondo come gli appare è illusorio, emerge nelle scene di questo film che sa raccontare la morte dopo la vita dell'immenso scrittore e come fosse una sua novella, è un racconto intenso e visionario come l'intera drammaturgia pirandelliana.

Il film scoperto su Sky da un'amante come me di Luigi Pirandello, merita di essere visto e apprezzato.

Vetro


 La ragazza che vive per tutto il tempo chiusa nella sua stanza colorata e al tempo stesso buia per colpa di una serranda rotta, è l’anima del film d’esordio di Domenico Croce, in prima visione da stasera su Sky.

Lei è Carolina Sala e quel padre apparentemente amorevole che le passa dall’unico spazio accessibile della porta chiusa a chiave, il cibo e cose necessarie per la sua sopravvivenza e per quella del suo Hiro, l’unico essere vivente a farle compagnia, è Tommaso Ragno, figura rassicurante e avvolta nel mistero come tutti i personaggi che ruotano intorno alla ragazza, anche l’amico di chat con il quale dialoga dal monitor del suo portatile.

Mentre vedevo il film non pensavo a un thriller ma a un dramma psicologico molto profondo e ho subito ricordato lo spettacolo Yaneura (La mansarda) rappresentato dalla Compagnia teatrale Rinkogun coi sottotitoli in italiano di Alessandro Clementi, seguito al Vascello (2013/2014), sulla condizione dei ragazzi giapponesi chiusi nelle loro stanze/mansarde che come scatole oltre a isolarli, per scelta, li allontanano dal senso di ogni cosa. 

Il film è interessante e va visto!



The Queen - La regina


"Inquieto giace il capo che porta la corona" (Shakespeare) 

Sky Cinema omaggia  Elisabetta II attraverso un film toccante come "The Queen - La regina", interpretato dalla straordinaria attrice inglese Helen Mirren, della sua stessa statura ed estremamente somigliante nella misura e nell'eleganza dell'amata Regina che ci ha da poco lasciato.

Per chi non lo avesse ancora visto, il film diretto da Stephen Frears nel 2006, ha fatto vincere alla Mirren  l'Oscar come migliore attrice protagonista.

  Il regista sceglie un periodo buio per la Regina amata da tutti.

Lo scozzese Tony Blair, giovane membro dei Laburisti, diventa Primo ministro del governo di Sua Maestà,  ed è interpretato da Michael Sheen e il 31 agosto dello stesso anno a Parigi, Lady Diana muore in un incidente automobilistico.

Mentre il popolo britannico è sconvolto e in lutto per la tragica notizia, inizialmente la regina sceglie di restare a Balmoral dove è in vacanza con la famiglia, considerandolo un fatto privato, non essendo più un membro della famiglia reale da quando Diana ha divorziato dal Principe Carlo.

Passerà una settimana prima che Elisabetta II faccia ritorno a Londra. 

A Buckingham Palace, Elisabetta II si fermerà davanti al tributo floreale dedicato a Diana, scegliendo di dimostrare il suo dolore in diretta tv.

In questa scelta, ha avuto un ruolo rilevante il Primo ministro, suggerendo alla regina di rendere pubblici e non privati i funerali, ai quali poi, come si vede nelle bellissime immagini di repertorio, parteciparono grandissimi artisti, amici di Diana, da Pavarotti a George Michael e personalità del mondo del cinema come Steven Spielberg.

Fa uno strano effetto vedere il film in questo momento ma è stata un'esperienza molto forte che mi ha fatto riflettere molto.

Profetiche sono le frasi che la Regina madre rivolge a sua figlia, sua consigliera e severa ed è mostrato abilmente il lato umano e intimo, l'amore per la natura, per le passeggiate e per gli animali di Elisabetta II.

Film consigliatissimo! 

 

 

PennadorodiTania CroceDesign byIole